GOOD MUSIC INTERVISTE

Leonardo Buonaterra, tra le labbra e la voce di un artista eclettico

1 – Redazione) Partiamo dalle tue origini artistiche, quando hai iniziato a interessarti alla musica?

1 – Leonardo) Tutto è iniziato a 8 anni circa; degli amici mi raccontano che in quarta, quinta elementare, la maestra mi chiese: Cosa vuoi fare da grande Leonardo? Io risposi: Il cantante. Se devo essere sincero non ricordo nulla di questo episodio, ma se è entrato nella memoria di chi mi segue, qualcosa di vero ci sarà. Ho iniziato per gioco, suonavo dei secchi rovesciati, era già un bisogno.

2– Redazione) Raccontaci un po’ del tuo percorso artistico.

2– Leonardo) Da autodidatta mi sono avvicinato alla chitarra, poi c’è stato il periodo “cover band”, si sfiorava il rock italiano e straniero, ma sentivo l’esigenza di scrivere qualcosa di mio.

Dopo la classica gavetta ” che continua ancora oggi ” tra concorsi, demo, serate live, ho deciso di studiare canto e così nel 2010 mi sono diplomato al C.P.M. di Milano.

Finita questa avventura, mi sono concentrato per creare il mio primo progetto, che porta il mio stesso nome ” Leonardo Buonterra “. Nel 2015 ha preso vita IMPRONTE; in questo EP ho collaborato con Vincenzo Messina, Diego Corradin, Adriana Ester Gallo, Matteo Agosti.

Entrambi i miei lavori si trovano in formato digitale su vari stores ( I-Tunes, Amazon, Spotify….)  

Attualmente sto scrivendo nuove canzoni e spero di regalare a questo sogno un bel passo in avanti.

3 – Redazione) Raggiungere un proprio stile e identità, quanto è importante per un musicista?

3 – Leonardo) Credo sia fondamentale, ma è un lavoro lungo e faticoso. Non ti puoi basare solamente sui consigli o giudizi che arrivano dall’esterno, è un cammino che devi fare da solo, devi essere testardo e sincero con te stesso.

4 – Redazione) Quali sono i tuoi punti di riferimento (cantanti o band a cui si ispira)?

4 – Leonardo) In primis i cantautori, non ho un genere preferito, per esempio ascolto i Sigur Ros, De Andrè, Gianmaria Testa, Arvo Part, Glen Hansard, Dave Matthews, Area, Battiato….generi lontanissimi tra loro, amo la Musica fatta bene.

In questo periodo mi attira il mondo dei buskers, li vedo come dei portatori di buon umore, di pensiero…..

5 – Redazione) Cos’è la musica per te?

5 – Leonardo) E’ un linguaggio, l’esigenza che mi rende vivo……la musica è come la neve, rallenta il tempo e tu rimani lì ad osservare, ad ascoltare.

6 – Redazione) Cosa provi quando canti?

6 – Leonardo) C’è sempre una bella tensione, suonare per una persona o per mille non cambia molto, mi sento privo di alcuna maschera.

7 – Redazione) Quanto conta per te il testo di una canzone rispetto alla musica?

7 – Leonardo) Nel mondo dei cantautori le parole hanno una grande importanza, diciamo un 50% parole e 50% musica.

8 – Redazione) Tra le tue esperienze e partecipazioni, quali ricordi con soddisfazione?

8 – Leonardo) Ho suonato nel teatro del Navile a Bologna, il famoso laboratorio di Lucio Dalla e nel giorno successivo mi sono messo lì in Piazza Maggiore, chitarra e voce, un bellissimo ricordo.

9 – Redazione) Cosa ne pensano i tuoi amici e familiari della tua scelta di intraprendere questa strada?

9 – Leonardo) I miei familiari e amici più stretti sono felici, anche se la strada scelta non ha certezze, devi rischiare, abbiamo una sola vita a disposizione.

banner_728x90

10 – Redazione) Hai un particolare progetto ideale e concettuale cui arrivare come massima aspirazione?

10 – Leonardo) Sì, girare questa bella penisola, suonare le mie canzoni nei teatri, locali, festival, vivere di questo.

Leonardo Buonaterra – Tra le labbra e la voce (Acoustic Version):

https://youtu.be/znb35uq9SR4

Facebook – Leonardo Buonaterra Official 

https://www.facebook.com/LeonardoBuonaterraOfficial/

You Tube – Leonardo Buonaterra Official 

https://www.youtube.com/channel/UChrT37D9fsgs3SFXM628yRQ

Rispondi