È morto Joe Cocker. Il manager: “Era semplicemente unico”

Aveva 70 anni, i primi successi con le cover dei Beatles. Indimenticabili “You Can Leave Your Hat On” e “Unchain My Heart”

Aveva compiuto 70 anni nel maggio scorso: Joe Cocker si è spento oggi, a Crawford, in Colorado, dopo una vita trascorsa cantando. Il suo agente, Barrie Marshall, ha confermato la notizia data dalla Bbc, e ha dichiarato: «Era semplicemente unico, sarà impossibile riempire il vuoto che lascia nei nostri cuori». Due giorni fa voci sulla sua morte si erano diffuse sul web, subito smentite: «Non credete a tutto quello che leggete su Internet – aveva fatto sapere il manager – Joe è vivo e sta bene». Oggi sembra invece che il grande cantante inglese, malato da tempo di un tumore ai polmoni, se ne sia andato davvero.

Gli inizi e le cover dei Beatles

Aveva iniziato la carriera musicale nella sua città natale, Sheffield, all’età di 15 anni, con il nome d’arte di Vance Arnold; la sua prima band gli Avengers, poi i Big Blues (1963), e infine The Grease Band (1966). Il suo primo singolo la cover dei Beatles“I’ll Cry Instead”, dall’album “A Hard Day’s Night”. Dopo un qualche successo in Gran Bretagna con il singolo “Marjorine”, la sua fama è scoppiata con la sua versione di “With a Little Help from My Friends”, un’altra cover beatlesiana. Nel 1969 aveva cantato a Woodstock, e la sua interpretazione del brano di “Leon Russell Delta Lady” era stata un nuovo successo.

I problemi con l’alcol e il grande successo

All’inizio degli anni settanta la sua carriera si bloccò per una serie di problemi soprattutto legati all’abuso di alcol; Cocker ritornò però prepotentemente a scalare le classifiche nella seconda metà degli anni ottanta, con la sua versione di “You Can Leave Your Hat On”, scritta da Randy Newman, dal film 9 settimane e ½. Di inizio decennio il duetto “Up Where We Belong”, (brano scritto da Buffy Sainte-Marie e Will Jennings) e cantato con Jennifer Warnes dal film “Ufficiale e gentiluomo”, Oscar per la miglior canzone); più in là nel tempo arriveranno “Unchain My Heart”, “When the Night Comes”, “N’oubliez jamais”.

joe-cocker-4de2787b10559[1]

Gli ultimi dischi

Nel 2010 un nuovo album “Hard Knocks”, il primo di inediti dopo otto anni, è prodotto da Matt Serletic. Cocker e Serletic tornano a lavorare insieme due anni dopo con “Fire It Up”. La sua interpretazione aveva un’intensità fisica, spesso presa in giro da John Belushi nei suoi spettacoli: al Saturday Night Live ci fu anche un indimenticabile duetto improvvisato tra di loro, in una puntata in cui Cocker era ospite. I suoi ultimi concerti risalgono al 2011 e pochi giorni fa, il 17 dicembre, dal palco del Madison Square Garden l’amico Billy Joel aveva parlato di lui, dicendo che non stava bene e che sarebbe stato bello e giusto farlo entrare in extremis nella Rock and Roll Hall of Fame. Il desiderio non è stato esaudito, però ci è entrato Ringo Starr, che cantò la prima versione della canzone che rese celebre Cocker, ovvero “With Aa Little Help fron My Friends”.

Premi e collaborazioni

Vincitore del Grammy nel 1983, con «Up where we belong», nel 2007 era anche stato nominato membro dell’Order of British Empire, dedicato a chi eccelle in genere nelle arti e consegnato direttamente dalla regina Elisabetta II. Cocker vantava collaborazioni con i più grandi artisti mondiali, anche con l’italiano Eros Ramazzotti, in particolare per la canzone «That’s all I need to know», inserita nell’album «Eros Live» del 1998.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

PROMUOVI IL TUO VIDEO

Nome (*)

Cognome (*)

Città (*)

Artista indipendente

Band

Email (*)

Pagina Facebook (*)

Video Youtube (*)

Pagina Soundcloud

Pagina Reverbnation

Il tuo messaggio

Autorizzo al trattamento dei dati personali ai sensi della legge 675/ 96
Privacy Gentile Cliente, i dati personali saranno raccolti e custoditi da ISGM - Ideality Studios Group Media provvenienti dal sito www.lafabbricadelsuono.it, e dallo stessa utilizzati, nel pieno rispetto dei principi fondamentali dettati dalla direttiva 95/46/CE e dalla Legge 675/96 per la protezione dei dati personali. Autorizzo il trattamento dei miei dati personali per i fini espressi in questo documento.